Cavalier King Charles Spaniel Italia

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account, puoi Registrarti cliccando su "ISCRIVITI"...

Cavalier King Charles Spaniel Italia

Forum dedicato agli italiani appassionati della razza Cavalier King Charles Spaniel.Qui potrete postare foto, dibattere temi inerenti alla razza, togliervi qualche curiosità e condividere piccoli e grandi problemi dei vostri Cavalier
 
IndicePortaleCalendarioFAQRegistratiAccedi
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CalendarioCalendario
Copyright
Pulsante su giù
Chi è in linea
In totale ci sono 2 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 2 Ospiti

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 49 il Gio Ago 29, 2013 8:10 pm
Strumenti per webmaster

Condividere | 
 

 LA PARVOVIROSI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1040
Data d'iscrizione : 05.04.13
Località : Roma

MessaggioTitolo: LA PARVOVIROSI   Ven Apr 19, 2013 11:21 am

Parvovirosi



La Parvovirosi canina è una malattia infettiva causata da virus (CPV = Canine Parvovirus tipo 1 e tipo 2a e 2b, Genere Parvovirus, Famiglia Parvoviridae).
Si pensa che il capostipite sia il virus felino (FPV) il quale, forse a seguito d’incaute manipolazioni di laboratorio, si sarebbe adattato a colture cellulari canine contaminate (utilizzate per la produzione di vaccini) ed avrebbe così ampliato artificialmente il suo spettro d’ospite.
Accrediterebbe tale ipotesi la quasi contemporanea comparsa, nei cinque continenti, di questa patologia canina che, prima del 1978 (anno delle sue iniziali segnalazioni ) , era completamente ignota nei cani, apparentemente privi, sino a qualche anno addietro, di qualsiasi traccia sierologica nei confronti di CPV (in particolare CPV2).
Purtroppo, questi virus sono molto stabili nell’ambiente ed in grado di resistere a forti concentrazioni acido basiche ed alle alte temperature.
Sono pure resistenti ad un certo numero di disinfettanti comuni e possono sopravvivere per parecchi mesi (anche anni) nelle aree contaminate. Sono colpiti tutti i canidi, anche adulti, nei quali il morbo può scatenarsi in modo molto aggressivo (soprattutto a causa del CPV2b) simulando un’infezione batterica. Rottweilers, American Pit Bull Terriers, Doberman Pinschers e Pastori Tedeschi sarebbero fra le razze maggiormente a rischio; Barboncini e Cocker Spaniels pare abbiano minori probabilità di sviluppare la forma enterica della malattia.
La mortalità associata all’infezione è compresa fra il 16% ed il 35%.
I virus si trasmettono per contatto diretto con cani infetti, ma la trasmissione indiretta, tramite materiale fecale contaminato, è una fonte molto importante di contagio. Il periodo d’incubazione è di tre/otto giorni.
Lo spargimento virale (mediante feci, urine e saliva infette) può cominciare dal terzo giorno, prima della comparsa dei segni clinici.
La diagnosi è basata su una corretta anamnesi storica e sintomatologica ed è confermata da test rapidi immunofecali o sierologici.

Sintomi
In principio, soprattutto nei cuccioli di poche settimane, si osservava la forma miocarditica della malattia con
danno cardiopolmonare acuto e letale.
Attualmente, la miocardite è molto rara perché l’immunizzazione efficace delle femmine protegge i
cuccioli nel periodo neonatale. Oggi, i cani infettati possono anche essere asintomatici.
Tuttavia, dopo l’ingestione, il virus, riproducendosi, può distruggere vaste porzioni di epitelio dei villi intestinali determinando diarree sanguinolente. I batteri enterici normali (p. es. Clostridium perfringens ed Escherichia coli) o patogeni opportunisti (quali Salmonella, Campylobacter, coronavirus e vari parassiti), attraverso la mucosa intestinale compromessa, entrano nella circolazione sanguigna, con conseguente rialzo febbrile e complicazioni generalizzate.
Inoltre, il virus può moltiplicarsi nel midollo osseo e nel tessuto linfopoietico causando diminuzione dei globuli bianchi (neutrofili e linfociti) ed indebolendo le difese immunitarie. Il cane smette di mangiare e presenta segni di disidratazione, prostrazione e, spesso, vomito. Una complicazione comune è l’edema polmonare.
Il soggetto può giungere a morte rapidamente, dopo essere entrato in coma. Fortunatamente, però, l’entità dei segni clinici è variabile e la maggior parte dei cani colpiti recupera in alcuni giorni con idonea terapia di sostegno.

Terapia e prevenzione
Non c’è una cura specifica per eliminare i virus. Se l’intervento del veterinario è tempestivo, i cani malati possono essere guariti con perfusioni endovenose di fluidi addizionati di destrosio, cloruri e potassio oppure, in soggetti in cui il vomito è assente, con soluzioni orali elettrolitiche.
L’impiego di antibiotici, antiemetici, sieri iperimmuni e interferone deve essere valutato in relazione ai singoli casi.
Alimenti ed acqua vanno sospesi sino alla scomparsa del vomito, quindi il cane dovrebbe assumere una dieta iposodica per una o due settimane e poi ritornare gradualmente alla normalità.
La classica soluzione preventiva è la vaccinazione dei cuccioli (con vaccino a virus inattivato) fra le cinque e le otto settimane di vita, con un richiamo ogni due/quattro settimane (fino al quinto mese di età), a un anno e, successivamente, ogni anno.

Suggerimenti
Sorvegliare regolarmente le feci del proprio cane, è il solo modo per individuare la parvovirosi, ma anche di sapere se l’alimentazione che gli viene somministrata è
adeguata. La parvovirosi è una malattia altamente contagiosa, occorre pertanto assolutamente isolare l’animale sospetto.
Superfici, strutture, attrezzature, ciotole, scarpe, contaminate dovrebbero essere disinfettate con soluzioni concentrate di ipoclorito di sodio (diluizione 1:30) o analoghe sostanze.

Domenico Roberto Centola -Dirigente Veterinario AUSL BA/4

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
                    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Tornare in alto Andare in basso
http://www.conoscereilcavalierking.net/
Admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1040
Data d'iscrizione : 05.04.13
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: LA PARVOVIROSI   Ven Apr 19, 2013 11:26 am

Malattia importante che in questo periodo ha visto una recrudescenza per la comparsa di un virus geneticamente modificato che colpisce anche i soggetti vaccinati.
Troverete notizie in merito in questo articolo del Blog del Forum:
Il nuovo ceppo del virus della Parvovirosi

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
                    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Tornare in alto Andare in basso
http://www.conoscereilcavalierking.net/
massimo mazza -Tobia

avatar

Messaggi : 40
Data d'iscrizione : 09.04.13
Località : roma

MessaggioTitolo: Re: LA PARVOVIROSI   Ven Apr 19, 2013 3:22 pm

Cristina ho letto i tuoi post e sono davvero interessanti . Ho scoperto cose che non immaginavo esistessero e quindi non le avrei nemmeno cercate. Quindi davvero grazie. Però vorrei chiederti una cosa. Perché ogni tanto non posti anche qualche notizia o informazioni che non ci angosci ? Non so per esempio come farli giocare, come dargli il massimo d3ll'affetto insomma qualcosa di più leggero. Dopo aver letto delle zecche , delle pulci e tutte le malattie, mi è preso lo sconforto. Comunque è sempre un gran bel leggere.
Grazie ancora.
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1040
Data d'iscrizione : 05.04.13
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: LA PARVOVIROSI   Ven Apr 19, 2013 3:51 pm

Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing


ehm...un forum prevede che ci siano in primo luogo dei post informativi, poi si passa a tutto il resto.
Queste notizie sono già presenti nel vecchio forum dove le copio rivedendole e, se serve, attualizzandole.

Ecco perchè sono scappati tutti!!!!!!! fischio
Ottimo suggerimento e grazie...trascriverò i post informativi senza pubblicizzarli troppo, in sordina...e quelli utili a tutti li metterò in evidenza.

Resta però il fatto che per non "angosciarsi" la gente alla fine sui cani in generale e su questa razza ne sa poco...e allora come la mettiamo?

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
                    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Tornare in alto Andare in basso
http://www.conoscereilcavalierking.net/
massimo mazza -Tobia

avatar

Messaggi : 40
Data d'iscrizione : 09.04.13
Località : roma

MessaggioTitolo: Re: LA PARVOVIROSI   Ven Apr 19, 2013 4:02 pm

Cristina la mia era davvero quasi una battuta. Credi sono davvero molto interessanti e istruttivi. Voleva essere complimento per l'ottimo lavoro che stai facendo. Io personalmente li leggo con tanto piacere per argomenti che non conosco. Il fatto che siano scomparsi in molti lo credo. Ritorna un Po quello che si diceva prima che aprissi questo splendido forum.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: LA PARVOVIROSI   

Tornare in alto Andare in basso
 
LA PARVOVIROSI
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Cavalier King Charles Spaniel Italia :: VACCINAZIONI E ANTIPARASSITARI :: Vaccinare i nostri cani-
Andare verso: