Cavalier King Charles Spaniel Italia

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account, puoi Registrarti cliccando su "ISCRIVITI"...

Cavalier King Charles Spaniel Italia

Forum dedicato agli italiani appassionati della razza Cavalier King Charles Spaniel.Qui potrete postare foto, dibattere temi inerenti alla razza, togliervi qualche curiosità e condividere piccoli e grandi problemi dei vostri Cavalier
 
IndicePortaleCalendarioFAQRegistratiAccedi
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   
CalendarioCalendario
Copyright
Pulsante su giù
Chi è in linea
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 49 il Gio Ago 29, 2013 8:10 pm
Strumenti per webmaster

Condividere | 
 

 I 5 SENSI + 1

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1041
Data d'iscrizione : 05.04.13
Località : Roma

MessaggioTitolo: I 5 SENSI + 1   Mar Apr 30, 2013 5:45 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] L'olfatto

Il cane E' un naso.
Diversi esperimenti hanno appurato che il cane, quando segue una traccia, non si basa sulla visione della stessa, ma sulla sua intensità dell' odore che la traccia ha rilasciato. Alcuni studiosi, camminando all'indietro, tentarono di sviare i cani, pensando che avrebbero seguito la traccia visiva; ma i cani testati non si fecero per nulla sviare da questo trucchetto, seguendo perfettamente le orme fino al punto voluto, segnalando l'arrivo come partenza e viceversa. Infatti più una traccia è vecchia, (in questo caso il "finto arrivo" delle orme lasciate al contrario) più l'odore è leggero.
Annusare per un cane equivale a leggere il quotidiano per noi; quando il nostro adorato cane rimane mezz'ora ad annusare un "ricordino" odoroso, non sta facendo altro che raccogliere un mucchio di informazioni su chi ha lasciato quella traccia odorosa. Saprà così non solo se il cane che l'ha lasciata era maschio o femmina, ma se era giovane o anziano, malato o sano, se era arrabbiato o sereno, se era un cane di taglia grande o mini. In questa maniera raccolgono informazioni, studiano chi sono i suoi vicini, che intenzioni abbiano e come comportarsi in caso di un eventuale incontro dal vivo.
Succede lo stesso quando si annusano a vicenda gli organi genitali o il muso. Si stanno presentando!
I cani, nel loro naso, hanno un organo chiamato di Jacobson.
Esso permette di percepire alcune sostanze chimiche, i feromoni; queste sostanze danno delle chiare indicazioni sullo stato psichico e fisico del cane che le rilascia, fanno capire se il cane ha paura, se è in estro, se è pronto a combattere, se è dominante.
Ogni volta che entriamo in una sala d'attesa di un veterinario, il nostro cane percepisce così tutta una serie di informazioni, che possono farlo agitare e impaurire dato che la maggior parte dei cani in transito dal veterinario non sono affatto felici di essere lì. Ecco perchè alcuni cani sono terrorizzati alla sola vista della porta dello studio veterinario; non hanno paura del dottore in sè, ma gli arrivano delle sostanze chimiche che gli "urlano" dentro il naso "ho paura!".

Superficie epiteliale olfattiva = 18-150 cm2 nel cane; 3-4 cm2 nell'uomo
Recettori olfattivi = 220 milioni nel cane; 5 milioni nell'uomo)

Il gusto [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Parliamoci chiaro; i cani mangerebbero di tutto. E alcuni lo fanno per davvero.
Parlare di "gusto" in un cane è fuorviante, perchè per noi "gusto" significa qualcosa di buono e gratificante per il palato. Per il cane è gratificante la pasta scotta, un osso marcio, gli escrementi di altri animali.
La lingua del cane ha meno papille gustative della nostra, per lui qualcosa è buono o cattivo o semplicemente "non sa di niente". Quante volte abbiamo preparato al nostro cane un boccone prelibato e lo abbiamo visto sparire nella sua bocca senza nemmeno essere assaggiato quel tanto che gli facesse gustare appieno gli ingredienti? Quanti cani ingurgitano senza nemmeno masticare, perdendo così il retrogusto di qualcosa di prelibato?
Il fatto è che il cane compensa la mancanza di "gusto" con l'olfatto. Se il suo naso gli dice che lì dentro c'è qualcosa di buono, lui lo mangerà di gusto. Se il naso gli comunica che quella cosa invece non è buona, non la mangerà.
Difficilmente il cane assaggia con la lingua, quindi, ma si può dire che il gusto passa prima per l'attento esame del naso. Che poi il suo naso gli comunichi che una bella caccona di mucca sia gustosa, non possiamo che rassegnarci, impedirgli di rinunciare a questo boccone prelibato per le ovvie conseguenze potenzialmente dannose e pericolose e pensare che "De gustibus non disputandum est"


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] L'udito

Partiamo da un dato; un adolescente umano (che non abbia le orecchie distrutte dal continuo uso a tutto volume dell'I-pod!) riesce a percepire un suono fino a 20.000 Hz; il cane lo percepisce fino a 65.000 Hz.
Sono anche molto bravi ad individuare la fonte del suono, la direzione, anche se in questo gli esseri umani sono migliori.
La forma delle orecchie poi agevola molto la capacita' ricettiva dei cani, più sono alte e ampie, più l'udito sarà fine e preciso.

Il tatto [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Il tatto nei cani è importante, perchè alla nascita, ciechi e disorientati, attraverso il contatto con i fratelli e sorelle e la mamma, riceve calore e sicurezza.
Una mosca che si appoggia sul dorso di un cane provca una serie di contrazioni, come il solletico in noi. Al tempo stesso però i cani resistono al dolore e sembrano non accorgersi nemmeno di ferite di bassa-media profondità.
Il pelo veicola il senso del tatto nel cane, ed è dotato di speciali peli: i vibrisse sul muso, i tragi nell’orecchio e le ciglia hanno una maggiore innervazione ed apporto sanguigno che permettono al cane di captare e "sentire" attraverso le vibrazioni ed il tatto il mondo circostante.
Altri peli dislocati lungo tutto il corpo permettono al cane di percepire il freddo ed il caldo. Nella vita del cane il tatto è utilizzato prevalentemente per comunicare con i consimili (e non); colpetti di muso, appoggio della testa sulle spalle di un altro cane, zampate e altro servono per stabilire le gerarchie.
Accarezzare il cane con la mano aperta, lentamente, lungo il fianco serve a calmarlo, mentre le pacche lo eccitano e lo invitano al gioco (ma anche alla sfida).


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] La vista

Sono molte le credenze sulla vista del cane; si dice che vedano in bianco e nero, che siano miopi, che ci vedono benissimo al buio... qualcosa è vero, ma qualcosa è decisamente inesatto.
Vedere da vicino per un cane è praticamente impossibile perchè se un oggetto si trova a meno di 50 cm, appare completamente sfocato. Fate caso la prossima volta che il vostro cane voglia afferrare un oggetto a lui molto vicino; prima di afferrarlo, lo annuserà, lo cercherà con il naso e solo una volta che il suo naso avrà "messo a fuoco l'oggetto" il cane lo afferrerà.
Per quanto riguarda la miopia, alcune razze (rottweiler, pastore tedesco e schnauzer nani) possono avere una predisposizione genetica ad una forte miopia, ma non è sempre detto.
E' interessante sapere che i cani hanno un'ottima vista riguardante gli oggetti in movimento; un oggetto inanimato viene visto ad una distanza massima di 400 mt, ma se lo stesso oggetto viene mosso, la distanza di percezione raddoppia e il cane lo vede anche distante 800 mt!
Al tempo stesso i cani sanno percepire piccoli movimenti, piccoli cambi di espressione, e sono molto attenti a qualunque messaggio corporeo un altro cane, ma anche le persone, gli inviano. Una delle prime cose che infatti un cane nota è la postura del corpo, della coda, del muso di un altro cane. Nella sezione Il linguaggio del cane troverete qualche dettaglio sulla postura dei cani.
Di notte i cani vedono bene, grazie ad una speciale membrana riflettente, chiamata tapetum lucidum; questa membrana si comporta come uno specchio, riflettendo ogni singolo fotone in arrivo e rspingendolo contro la retina. Questo però comporta anche una visione sfocata, in condizione di scarsa luminosità.

Vista-Colori invisibili [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

I cani sono, sostanzialmente, DALTONICI; hanno solo due tipi di "coni" (recettori), anzichè tre come negli uomini. In pratica i cani possono distinguere e riconoscere i colori giallo-verde e il viola, mentre, anche se sanno capire che il rosso è un colore (diverso cioè dal bianco o nero), semplicemente non riescono a distinguerlo in mezzo ad altri colori. Il rosso per loro può essere percepito come giallo o verde, non distinguono il viola dal blu.
Alcuni colori intermedi, quelli che si posizionano nella stretta banda vicina al verde bluastro, non vengono classificati come colori da un cane, perchè non è in grado di distinguerli dal bianco o dalle sfumature di grigio. Questa ristretta fascia acromatica è nota come "punto neutro" ed è tipica degli animali con visione a due coni.
In pratica una palla rossa o arancione brillante per noi visibilissima su un prato verde, per il cane diventa molto difficile da vedere perchè prato e palla assumono lo stesso colore.
Perche' tutto questo? Sembra probabile che il cane abbia, nel corso dell'evoluzione, "sacrificato" i coni, poco sensibili alla luce debole, per avere un maggior numero di bastoncelli, sensibili alla luce debole ma non ai colori, per poter vedere al buio. Ma sembra anche che, grazie al "tapetum lucidum" e ai bastoncelli di cui abbiamo parlato prima, i cani possano vedere un tramonto con colori molto più vividi di quanto possiamo vedere noi. Una buon compromesso, no?

fonte
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

E il sesto senso?

Si può definire come il sesto senso del cane che gli permette di prevedere ciò che sta per accadere nell'immediato, come l'arrivo del padrone, quando gli si vuole fare qualcosa a lui spesso non gradita, come il bagno o prevedere tanto le azioni quanto i sentimenti e le reazioni del proprietario. Le sviluppatissime capacità sensoriali del cane hanno fatto da sempre pensare che egli possedesse qualità magiche, ma in realtà sebbene siano dei fatti incredibili c'è una spiegazione a tutto. Essi sanno ritrovare la strada di casa anche se si trova molto lontano da essa, e si muovono su terre a loro sconosciute: questa particolarità tanto nota sembra sia dovuta alla sensibilità nell'avvertire variazioni anche minime nel campo magnetico della terra,e questo particolare senso "elettromagnetico" gli permette di avvertire le pur minime vibrazioni della crosta terrestre, ciò li rende in grado di prevedere i terremoti. In merito a questo sono stati fatti degli esperimenti che in presenza di potenti magneti questa capacità diminuisce notevolmente. È stato anche accertato che il cane è in grado di predire temporali, infatti può capitare di vedere il cane in uno stato di agitazione, che trema e uggiola prima dell'arrivo della pioggia, questa forma di sensibilità è invece legata al cambiamento della pressione atmosferica e forse anche alle variazioni di livello dell'elettricità statica.
Niente di magico quindi, ma sicuramente straordinario !!

fonte
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link][Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
                    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Tornare in alto Andare in basso
http://www.conoscereilcavalierking.net/
massimo mazza -Tobia

avatar

Messaggi : 40
Data d'iscrizione : 09.04.13
Località : roma

MessaggioTitolo: Re: I 5 SENSI + 1   Mar Apr 30, 2013 8:15 pm

Molto, ma molto interessante.
Tornare in alto Andare in basso
 
I 5 SENSI + 1
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Cavalier King Charles Spaniel Italia :: COMPORTAMENTO E EDUCAZIONE :: IL LINGUAGGIO DEI CANI E LA PSICOLOGIA CANINA-
Andare verso: